Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

La psicoterapia: qualche risposta

La psicoterapia: qualche risposta

Chi è uno psicoterapeuta?

E' un professionista che svolge una prestazione sanitaria riconosciuta dal Ministero della Salute. Ha conseguito una laurea in medicina o quinquennale in psicologia e successivamente una specializzazione almeno quadriennale in psicoterapia. Ha inoltre svolto tirocini e ricevuto supervisioni fino all'autorizzazione all'esercizio della professione, regolamentata dall'Ordine professionale. E' tenuto alla formazione continua ed ha compiuto su di sé un particolare percorso psicologico per stabilire una relazione adeguata con la sofferenza altrui, oggetto del suo lavoro. 

Che differenza c'è tra uno psicologo, uno psicoterapeuta e uno psichiatra?

Lo psicologo svolge prevalentemente consulenze e attività diagnostica. Lo psicoterapeuta è uno psicologo specializzato che possiede strumenti per intervenire sul problema specifico e sviluppare un percorso di cura. Lo psichiatra è un medico specializzato nel trattare il disturbo con l'utilizzo di farmaci, lo psicoterapeuta invece non prescrive terapie farmacologiche. Qualora sia necessario psichiatra e psicoterapeuta possono lavorare bene insieme: è stata dimostrata l'efficacia di affiancare i due metodi quando lo si ritenga necessario. 

Cos'è la psicoterapia?

Psicoterapia significava anticamente "cura dell'anima", ma non ha nulla di esoterico o magico. E' un percorso volto al cambiamento consapevole di sé attraverso stumenti psicologici quali il colloquio, la relazione, eventualmente prescrizioni terapeutiche. Interviene ad esempio sui sintomi, sulle percezioni, sui vissuti, sugli stati emotivi, sul comportamento, sulle relazioni, sulla comunicazione.

Solo "i matti" si rivolgono allo psicoterapeuta?

Chiunque voglia cercare di conoscere meglio sé stesso, cambiare qualcosa di sé, superare un qualsiasi problema psicologico, più o meno grave, può chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta. Essere consapevoli di un disagio e consultarsi con uno specialista è un comportamento di rispetto per se stessi. Cercare un cambiamento per sé e per le persone care è un diritto e un gesto di grande dignità. 

Come è strutturata e quanto dura una psicoterapia?

Dopo una consultazione, che permette di comprendere quale sia la domanda di aiuto e l'entità del problema, può iniziare un ciclo di incontri per approfondire la conoscenza e iniziare ad affrontare il disagio. Non esiste un numero definito di incontri: la psicoterapia può essere breve o durare più tempo, a seconda delle difficoltà e dell'interesse di chi rivolge la domanda di aiuto. La scelta migliore è valutata insieme, ma spetta in ultimo al cliente, alla sua necessità e alla sua libertà.

Secondo il mio approccio, il primo incontro è solo una consultazione  a cui non segue ancora alcuna decisione. Se si sceglie di proseguire, il percorso si sviluppa con una fase di approfondimento e poi di intervento, che permette la  graduale maturazione di stati d'animo e pensieri trasformativi. La persona che richiede aiuto è vigile e attiva durante gli incontri perchè ogni cambimento può svilupparsi solo con le risorse e le qualità di chi richiede aiuto. Ogni incontro dura circa 50 minuti.  

Bisogna essere colti per intraprendere una psicoterapia?

La psicoterapia è per tutti e certo non è un luogo in cui si è valutati. Le parole si trovano parlando e non occorre alcun tipo di cultura particolare. E' lecito essere confusi, ritrovarsi in silenzio, non saper sempre dire quello che si desidera, a volte persino non avere chiaro per cosa davvero si sta chiedendo aiuto, pur essendo sofferenti: insieme si proverà a riformulare la domanda di aiuto più pertinente.

Ma la psicoterapia è efficace?

L'efficacia della psicoterapia è valutata innanzitutto da chi la richiede, che può comprendere se inizia a stare meglio, a trovare vantaggi dal percorso con lo specialista, a capire meglio se stesso e a sviluppare eventualmente un nuovo modo di pensarsi. 

Affermate ricerche nell'ambito delle neuroscienze, attraverso strumenti di neuroimaging funzionale, hanno permesso di validare gli effetti sul cervello dei percorsi di psicoterapia.